Animando su

Archivi

Parte il Settecento di Animando con un piccolo gioiello, “Oh Rameau”, da Diderot

La presentazione degli eventi organizzati da Animando per la rassegna Il Settecento musicale a Lucca diviene l’occasione di mettere in scena una chicca inedita e preziosa, scritta dalla musicologa Elisabetta Torselli: un dialogo tra voce e pianoforte, ispirato a Il nipote di Rameau di Denis Diderot. La pièce avrà come protagonisti due fratelli, Ferdinando Passalia (voce) e Giovanni Passalia (pianoforte) e condurrà gli spettatori, talvolta con leggera ironia, al centro dei dibattiti parigini sulla musica.

Siamo nel Settecento, in pieno Illuminismo, e mentre gli enciclopedisti aprono al valore della musica italiana, vivace ed espressiva, i conservatori difendono il decoro della tradizione francese di cui Rameau (lo zio, naturalmente!) è esponente di punta. Una querelle che in Oh, Rameau! diventa un dialogo tra Rameau nipote – musicista fallito che vive di espedienti non sempre limpidi – e il filosofo Diderot, che si esprime attraverso brevi accenni del pianoforte, a simulare domande, risposte, indignazioni, perplessità, divertimento.

Comments are closed.