Animando su

Video saluto de “Il Settecento musicale a Lucca”

Con il contributo di Animando un video saluto al pubblico de Il Settecento musicale a Lucca: “Stiamo lavorando per voi”. Nuovi concerti live allo studio delle associazioni coinvolte nella rassegna.

Archivi

Aspettando il ritorno della musica dal vivo: Concert-on-line

Fra le vittime innocenti del tragico evento epocale che stiamo vivendo, va annoverata anche la musica dal vivo, la cui promozione è la mission di Animando. Il blackout è scattato dopo il concerto di esordio della nostra Rassegna nel Settecento musicale a Lucca, il 22 febbraio scorso, concerto peraltro coronato da un enorme successo e conseguente assembramento. Il Coronavirus, allora, era un fenomeno esotico, confinato a Wuhan e dintorni. Pochi giorni dopo il contagio esplodeva in Italia. Quando a marzo il sindaco di Lucca Tambellini, presente al concerto inaugurale con la giunta quasi al completo, è risultato positivo al tampone del Covid19, abbiamo dovuto calcolare quanti giorni erano passati per capire se le sue strette di mano potessero aver contagiato molti dei presenti: concludendo che, per fortuna, era impossibile. E la stessa fortuna ha arriso anche al sindaco, che dopo una lunga degenza ospedaliera, è potuto tornare sulla plancia di comando: a lui vanno tutti i nostri migliori auguri.

Ecco dunque il bilancio provvisorio della nostra rassegna nel Settecento musicale a Lucca: soppresso l’impegnativo concerto di Musica Ritrovata (Da Lucca a Bologna, da S. Martino a S. Petronio); soppressa anche la Sacra Rappresentazione del Venerdì Santo col tradizionale Stabat Mater (quest’anno di Alessandro Scarlatti); soppresso l’altrettanto tradizionale Concerto per violino e orchestra, previsto per il 19 aprile. E’ ormai chiaro che le restrizioni perdureranno e nessun nostro concerto, neppure le Danze barocche/31 maggio, potrà essere realizzato. Soppressa anche l’intera attività sociale programmata da Animando per i soci (l’Opera al Teatro C. Felice di Genova/22 marzo e a Firenze/Turandot-maggio).

Il gruppo dirigente di Animando ha reagito al vuoto culturale imperante e ha ideato una mini rassegna di Concert-on-line o Digital Concert, proponendo ai soci di realizzare concerti originali di solisti o ensemble in video da fruire assieme ad un orario convenuto. La proposta ha avuto un riscontro immediato ed entusiastico fra i nostri sostenitori. Da qui la scelta di incaricare alcuni strumentisti, soprattutto lucchesi, di proporre video di durata limitata (intorno a 30 min.), con brani a loro scelta, raccomandando la presenza di almeno un autore del Settecento.

Il primo Concert-on-line, si è svolto il 3 aprile, alle ore 18, protagonista Stefano Teani, al pianoforte con brani di Bach, Debussy, Brahms, Skrjabin. Soci e amici avevano ricevuto prima dell’inizio il link per collegarsi al video. Ebbene, abbiamo scoperto al termine che si erano aggregate ben 106 persone e una ventina di queste avevano fornito via mail un riscontro molto positivo dell’evento. Dopo questo felice avvio, abbiamo impostato un programma che prevede:

  • Venerdì 10 aprile, h. 18.00/Venerdì Santo, la replica del bellissimo Stabat Mater di L. Boccherini, tenutosi nella Chiesa di S. Michele il 30 marzo 2018, (Linda Campanella/soprano – Silvano Pieruccini/direttore;
  • Venerdì 17 aprile, h 18.00 Concerto di Valentina Ciardelli/Contrabbasso e Alvaro Siculiana/pianoforte, con brani di Puccini, Verdi, Bottesini, Zappa. Il concerto è trasmesso da Londra;
  • Altri eventi sono in preparazione con la stessa modalità da altri musicisti amici, che hanno accolto il nostro invito (Gianmaria Griglio; Stefano Teani/un secondo concerto; Giovanni Passalia)

L’iniziativa è rivolta ai soci di Animando, ma chiunque intenda aggregarsi può richiedere prima dell’evento  il link all’indirizzo comunicazione@animandolucca.it.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.